AGLA’ E PACCHIEGA FESTEGGIANO A ZAMPINE DI STIENTA

Michele Veronese, Zampine di Stienta (Ro), martedì 15 agosto

LE CLASSIFICHE

E’ andata in scena, martedì sera, la 51ª edizione della “Corsa di Ferragosto”, la più antica delle corse su strada polesane che si corre, da più di cinquant’anni, il 15 agosto, a Zampine di Stienta. Protagonista organizzativo, dal 1966 ad oggi, Dario “Bota” Avanzi e la ARCI UISP di Stienta che, pur senza i grandi mezzi finanziari delle manifestazioni più titolate, hanno sempre preparato la corsa con tanta passione ed impegno. Purtroppo quest’anno è mancata “la voce del podismo” Mario Brusco, assente alle gare da maggio causa problemi familiari, grande amico e collaboratore di Avanzi, che questa corsa l’ha sempre vissuta con il microfono in mano, tanto da diventare un volto amico per tutti gli atleti. Si parte sempre con i più piccoli, 200 metri a perdifiato per i bambini e le bambine fino a 6 anni; poi la mini corsa di poco meno di 2 km per i ragazzi fino agli 11 anni. Vincono Gabriele Lodo (Confindustria Rovigo) e Lorenzo Modena (Atl. Bovolone) al maschile, Giada Marini (Faro Formignana) e Marta Ballerini (Running Comacchio) tra le femmine, con Ueda Iljazi della Salcus appena dietro la comacchiese. Ultimi a partire gli adulti della gara agonistica, circa 150, sul tracciato di 8,5 km: cast ricco di pretendenti al successo, in modo particolare nel settore maschile, con la consueta “calata” dei forti atleti della vicina provincia di Verona. A vincere, però, ci va il marocchino della Quadrilatero Ferrara, Said Aglà, l’anno scorso terzo dietro Benazzouz Slimani e Michele Bedin: Aglà taglia per primo il traguardo in 27’,57” distanziando Isacco Piubelli (Biasin Illasi, 28’,11”), plurivincitore di questa manifestazione, ed il giovane Daniel Turco (Atl. Bovolone, 28’,22”) che aveva vinto solo due giorni prima a Donada. Ancora Quadrilatero sul primo gradino del podio anche nel settore femminile con il successo netto della veronese Chiara Pacchiega (35’,58”) che lascia ad un minuto Francesca Pelizzari (Atl. Vicentina) e ad oltre tre minuti Sabrina Bulgaron. Nelle varie categorie tanta Salcus, che piazza molti atleti a premio: Marco Piasentini è terzo nella F (18/30 anni), Giuseppe Dell’Aera quarto nella G (31/40 anni), Nicola Avigni ancora al terzo posto nella categoria H (41/55 anni), mentre il club di Luca Poletto vede vincente Maurizio Sperotto nella I (56-65 anni), graduatoria con il terzo posto del compagno Paolo Bianchini ed il quarto di Franco Quaglia dell’AVIS Taglio di Po. Gruppo tagliolese che schiera il suo “big” tra gli over 65 ed infatti Adriano Liviero non tradisce le attese vincendo e lasciando ad oltre un minuto l’agguerrita concorrenza. Tra le donne Laura Galleran, sempre per la Salcus, vince la M (18-35 anni) mentre la compagna Carla Faggin è d’argento tra le “over 51” . Nella classifica per gruppi si conferma al primo posto la Salcus di S. Maria Maddalena, davanti alla Quadrilatero e al Corriferrara. Al termine quasi tutti gli atleti e gli accompagnatori si sono spostati alle “4 lamiere” per mangiare assieme e festeggiare i vincitori.

Potrebbero interessarti anche...