ANDREELLA, CHUBAK ED IL FASCINO DELLA “11 PONTI”

Michele Veronese, Comacchio (Fe) 3 giugno 2017

TUTTE LE FOTO DELLA GARA

Sembrava dovesse fermarsi a quota 50 la “11 Ponti” di Comacchio, una della gare storiche del panorama podistico nazionale: ad inizio anno gli organizzatori avevano ufficializzato l’annullamento alla stampa, invece, nelle ultime settimane, il Running Club Comacchio, con l’aiuto dell’assessorato allo sport è riuscito ad allestire ugualmente la corsa, anche se solo in forma non competitiva. Veramente buona la partecipazione, tanti i ragazzi della mini podistica e oltre 400 adulti: si inizia proprio dai 1500 metri per i più piccoli, con le vittorie per l’imolese Lorenzo Polverelli e dell’”enfant prodige” di casa, Marta Ballerini. A ruota la gara per gli adulti, l’organizzatrice Laura Fogli, a comunicare riconoscimenti ai primi 3 uomini e 3 donne, tanto per creare un po’ di agonismo: prima del via lo speaker Michele Marescalchi chiama per il giusto tributo il nostro Maurizio Preti, originario di Lagosanto e recordman con ben 44 presenze in questa gara, assieme ad uno dei plurivincitori, Mario Gelli, quest’ultimo, però, solo nelle vesti di spettatore. Il percorso non cambia, 8,5 km impegnativi tra selciati e ciottolati delle strette vie del centro che affiancano il canale ed i numerosi ponti da valicare tra cui lo storico Trepponti. “Profeta in patria” Luca Andreella già con largo vantaggio al primo passaggio sui ponti, un divario che va dilatandosi nella fase centrale con il giovane che va a vincere in 29’,42”. Alle sue spalle bella la gara di Marco Zanella, della Salcus, secondo ad oltre due minuti e terzo posto per Giorgio Mazzuccoli: appena giù dal podio, ma autore di una buona prova in rimonta, il nostro Gianluca Roncon, un po’ più indietro bella gara anche per Massimiliano Ruzza. Nettissimo anche il successo rosa per la capolista del circuito “Adriatic LNG”, Nadya Chubak: l’italo ucraina, con 33’,41” si piazza, addirittura, quinta assoluta, con molto distacco da Giorgia Mancin (Running Comacchio, 35’,25”) e dalla bolognese Elisa Temporini. Tra i gruppi il successo della Polisportiva Ferrariola, davanti a Quadrilatero ed Invicta Copparo, quinto posto per il sodalizio di S. Apollinare.

Potrebbero interessarti anche...