C’E’ GLORIA PER IL 40° DELLA “QUATTRO PASSI PER EL TAJO”

Taglio di Po (Ro), domenica 28 maggio 2017

LE CLASSIFICHE DELLA GARA

LA PRIMA PARTE DELLE BELLE FOTO EMANUELE BELLAN PER  DIGITAL VIDEO TRE

PRONTA ANCHE LA SECONDA PARTE DEL SERVIZIO

A BREVE ANCHE LE FOTO DI AUGUSTO

Il primo vero caldo della stagione ha accompagnato la 40ª edizione della “Quattro Passi per el Tajo”, la corsa disputata ieri mattina a Taglio di Po, valida come terza tappa del circuito “Adriatic LNG”. Testimonial del compleanno della gara tagliolese, Orlando Pizzolato, il due volte vincitore della maratona di New York, sempre un idolo per gli amatori. Il via è sempre per i più piccoli fino ai 10 anni, quasi quaranta al via: sui 600 mt del tracciato. vince il locale Leonardo Faggiani con la Discobolo Rovigo protagonista tra le ragazzine. Sui 1500 metri per i più grandi fino a 17 anni vince Giovanni Nonnato (AVIS Taglio di Po) con una gran volata sul compagno Luca Finotti: bene anche Elena Crepaldi (Podisti Adria), prima nella categoria E. A ruota il via per gli adulti, con la gara agonistica di 9 km, divisa in due giri, e la non competitiva: parte a razzo il giovane padovano Dylan Titon che viene raggiunto dall’italo marocchino Benazzouz Slimani. Il gran caldo tiene i tempi ben lontano da quelli da record dell’anno scorso: al primo passaggio dieto il duo di testa c’è un’altra coppia, formata dall’asso della Salcus, Angelo Marchetta e dal veneziano Matteo Gobbo, in testa alla generale del circuito. Finale con Slimani che allunga quel tanto che basta per vincere e taglia il traguardo in 29’,56”, con il giovane Titon a soli due secondi. Terzo gradino del podio per Marchetta (30’,21”), mentre Gobbo cede vistosamente nel finale e arriva quarto, conservando la leadership dell’Adriatic. Tra i primi assolti molto bella la lotta tutta in casa AVIS Taglio di Po con i fratelli Diego e Matteo Fusetto che vanno ad occupare l’ottava e nona posizione davanti ai compagni Daniele Finotti (10°) e Davide Corritore (12°). Netta la vittoria tra le donne per Gloria Tessaro: la vicentina della Polisportiva Dueville non è sembrata curarsi del caldo e delle avversarie, pur se di livello, ed ha imposto un ritmo difficile da sostenere per le altre. Trionfo per la Tessaro con 33’,36”, seconda, come l’anno scorso, l’altra vicentina Maurizia Cunico, terza l’italo ucraina Nadya Chubak che conserva la vetta del circuito. La migliore delle nostre è ancora Suellen Roccati, della Salcus, arrivata quinta, bene anche Emily Tommasi, dell’AVIS Taglio di Po, nona. Bellissima la lotta nella categoria dei veterani maschili, dai 50 ai 59 anni: questa volta il padovano Sandro Verlich è arriva davanti al vicentino Giovanni Bidese, anche se di un soffio. Tra gli “over 60” arriva il giorno di Antonello Satta: il padovano approfitta degli acciacchi dei big del settore per vincere la categoria: Lorenzo Andreose (Salcus) addirittura non parte per un infortunio, Maurizio Marchetti (AVIS Taglio di Po), arriva secondo, dopo una settimana molto tribolata per problemi intestinali. Buon terzo, per la Salcus, Luciano Magagnoli. Tra i gruppi ancora la Salcus si aggiudica il “Trofeo AVIS Taglio di Po” per il primo gruppo, davanti ad Atletica Delta Mesola e Podisti Adria. Ottima l’organizzazione da parte del G.P. AVIS Taglio di Po in collaborazione con l’amministrazione comunale e la locale sezione AVIS: nonostante un leggero calo di presenze nella prova competitiva, oltre 400 i partecipanti nelle varie gare che confermano la “4 Passi” tra le gare più amate del panorama podistico. Presenti alle premiazioni, oltre a Pizzolato, il sindaco di Taglio di Po, Francesco Siviero, l’assessore allo sport Doriano Moschini e il presidente della sezione AVIS tagliolese, Martino Ponzetto: il premio “fair Play” del Panathlon di Adria, non poteva che andare ad un campione come Orlando Pizzolato. Il circuito “Adriatic” torna a luglio, venerdì 21, con l’”Omaggio alla Serenissima”, notturna nel centro di Porto Viro

 

Potrebbero interessarti anche...