SCIALABBA E TESSARO, BELLE VITTORIE ALLA “CORRERE IN PINETA”

Michele Veronese, Porto Viro (Ro) 7 maggio

LE CLASSIFICHE COMPLETE

PRONTE TUTTE LE FOTO IN PINETA DI AUGUSTO AVANZO

ARRIVATE ANCHE TUTTE LE FOTO DELL’ARRIVO E DELLE PREMIAZIONI

Il tempo regge e la pioggia caduta abbondante nella notte tra sabato e domenica, quasi agevola gli atleti che trovano clima mite ed un terreno, in pineta, “migliorato”: va in scena, così, un’altra bella edizione, la 21ª, della “Correre in Pineta” a Porto Viro, seconda tappa del circuito “Adriatic LNG”. Ben 345 gli iscritti alla prova competitiva ai quali vanno aggiunti molti altri al via della camminata e della mini podistica.: si parte proprio dai ragazzi, che corrono per circa due chilometri. A ruota la prova competitiva e la camminata per gli adulti di circa 8 km: il percorso è sempre il consueto, quasi tutto immerso nella affascinante, ma impegnativa, pineta di Fornaci. Velocissimo il primo passaggio che vede Giorgio Scialabba (Alpi Apuane) e Filippo Barizza (Atl. Dolomiti Belluno) nettamente in vantaggio su tutti: l’aviere siciliano Scialbba conferma tutta la sua classe staccando il campione di corsa con le ciaspole, andando ad imporsi con il tempo di 25’,09”. Secondo Barizza (25’,27”), terzo il vincitore della prima tappa, Matteo Gobbo (Tornado) con 26’,06”, che si conferma in testa al circuito. Per i polesani il miglior piazzamento è per Angelo Marchetta, della Salcus, che arriva quinto davanti al nostro Saaid El Bouhali, sesto a Michele Bedin (Salcus), ottavo. Nel settore femminile continua la “maledizione” per Nadya Chubak, sempre protagonista ma mai vincente in questa gara: l’italo ucraina si è presentata al via con i recenti successi a Corbola e al “Giro delle Mura”, ma con qualche malanno fisico. Ha, così, dovuto cedere la vittoria alla vicentina Gloria Tessaro (Polisp. Dueville), molto brava ad accelerare nella seconda tornata per poi tagliare il traguardo in 29’,07”. Argento per la Chubak (29’,54”) che vale il primato nell’”Adriatic”, bronzo per la veneziana Alessia Danieli (30’,10”). Si difende egregiamente il settore rosa della Salcus che piazza Suellen Roccati al sesto posto ed Erica Cazzadore al settimo: bene anche l’AVIS, con la sorpresa Nicol Poncina decima. Tirate le gare delle categorie dei veterani maschili; il padovano Sandro Verlich deve cedere il trono al vicentino Giovanni Bidese, tornato alla forma che gli permise di dominare la categoria un paio di anni fa. Tra gli over 60 pronto riscatto per il nostro big del settore, Maurizio Marchetti, che inverte le posizioni della prima tappa andando a superare, nel finale, il portacolori della Salcus, Lorenzo Andreose: terzo l’altro avissino, Ubaldo Zanetti. Il nostro gruppo vince anche nella graduatoria per club, superando la Salcus di S. Maria Maddalena e l’Atletica Delta di Mesola: ormai la “Correre in Pineta” è quasi un campionato sociale per il nostro sodalizio. Rapide le premiazioni ben condotte, come pure tutta la manifestazione, da Mario Brusco: alle premiazioni il presidente del Panathlon di Adria, Giancarlo Sacchetto, che ha consegnato il premio “fair play” al primo assoluto. Molto bene tutta l’organizzazione con il “patron” del circuito Maurizio Preti, ad allestire la manifestazione con la collaborazione dell’A.C.R.A.S. Murazze ed il gruppo podistico AVIS Taglio di Po ed il patrocinio del Panathlon di Adria, del CONI e dell’AICS provinciali

Potrebbero interessarti anche...