POKER DI RUDY MAGAGNOLI ALLA “MARCIA DELLA SOLIDARIETA'”

Michele Veronese, Buso di Rovigo (Ro) 23 luglio

TUTTE LE FOTO DELLA GARA, UN GRAZIE A MARIO TOSATTI

LE CLASSIFICHE

IMG_4790Torno a Buso di Rovigo dopo qualche anno per la 23ª edizione della “Marcia della Solidarietà”: mi colpiscono sempre questo tipo di manifestazioni “casalinghe”, ben lontane, a livello organizzativo, da manifestazioni più titolate, eppure si sono ritagliate un loro spazio ben preciso nel panorama podistico. E’ stato encomiabile il lavoro organizzativo svolto dal gruppo “Amici di Buso” che, senza l’appoggio di un gruppo podistico alle spalle, si impegna a fondo per la riuscita della gara, lavoro ancora più da apprezzare se si considera che tutto il ricavato della manifestazione viene devoluto, come consueto, all’associazione bambini cerebrolesi “Mattia Venceslao” di Rovigo. Aumentato il numero dei premi rispetto al passato, riconoscimenti e premi vari per tutti gli oltre 30 ragazzi al della corsa a loro riservata ed un ottimo ristoro finale: il tutto per 5 euro d’iscrizione che davano anche diritto ad un discreto pacco gara con generi alimentari. Si parte con la mini podistica non competitiva di circa 1 km per i ragazzi fino ai 13 anni: prima del via della corsa degli adulti lo speaker, Mario Brusco, chiama un minuto di raccoglimento a ricordo di Mario Camillo Mazzuccato e Valerio Masiero, cui la gara è dedicata. Circa 150 gli adulti ai nastri di partenza, tra agonisti e non competitivi e 8 km di tracciato divisi in i un circuito da compiere due volte. HannoIMG_4798provato gli atleti della Salcus a porre fine al predominio di Rudy Magagnoli, che da tre anni usciva vincitore a Buso: al primo giro Michele Bedin ed il compagno Angelo Marchetta passano davanti a Magagnoli che, però, nella seconda tornata inserisce il turbo e stacca gli avversari presentandosi, per la quarta volta consecutiva, a braccia alzate sotto il traguardo. Sul podio con il ferrarese, Bedin, secondo e Marchetta, terzo, poi lo sprint tra rodigini vedeva prevalere Riccardo Tosi, quarto, su Luca Favaro, quinto. Ad interrompere la fila degli atleti polesani il trevigiano Daniele Cattarin al sesto posto, seguito da vicino da Nicola Battocchio (Confindustria Rovigo), Michele Bombonati (Salcus) ed il nostro Davide Corritore. Nella categoria dei veterani, dai 45 anni in poi, si ripete l’adriese Paolo Lodo (Intesa San Paolo) che precede Fabio Finotello, della Salcus, e Gianfranco Boschet dei Podisti Adria. Per i colori polesani ancora bene IMG_4858Lorenzo Andreose (Salcus), al quinto posto ed il nostro Adriano Brusegan (AVIS Taglio di Po) al sesto. Più indecifrabile, almeno prima del via, la gara femminile, stante l’assenza delle “big” del settore: ne ha approfittato la portacolori della Salcus, Manuela Magon, già in testa al primo giro, per andare a vincere abbastanza agevolmente davanti ad Emanuela Sitta (Quadrilatero), poi prima tra le veterane, e la compagna di squadra Alessia Zanella. A completare il podio delle “under 45” Roberta Ghiraldini (Sant’Apollinare) mentre tra le “over” il secondo posto va a Simonetta Siviero (Salcus) ed il terzo a Franca Panagin. Per quanto riguarda la mia gara si sono “sentiti”, rispetto alla corsa di Solesino di sabato scorso, i 2/3 allenamenti in più fatti in settimana. Per la prima volta ho “tirato” Maurizio (Preti) che era a Buso solo per un allenamento, visto che la mattina dopo doveva correre anche a Volano. Non c’era caldissimo ed ho finito in 37’,02”, 4’,36” di media sugli 8 km, tempo discreto considerando che quasi 3 dei 4 km del giro si correvano sullo sterrato o erba della campagna circostante.

Potrebbero interessarti anche...