IL PALIO DEL DRAPPO VERDE A GIANLUCA PASETTO E SONIA LOPES

E’ stato un fine settimana molto intenso per lo staff del GDS Mombocar che ha messo in piedi una serie di eventi con il culmine rappresentato dal 601° Palio del Drappo Verde di Verona.

Andiamo con ordine: sabato pomeriggio alle 16.00 è andata in scena la quinta edizione di “A spasso con Dante”, allestito in sinergia e collaborazione con le altre città Dantesche di Firenze, Forlì, Ravenna. La passeggiata per le via di Verona è servita a scoprire “le orme” di Dante Alighieri nel suo lungo esilio nella città scaligera. Le guide turistiche dell’Associazione Ippogrifo, supportati dagli immancabili auricolari, hanno illustrato ai podisti, che hanno partecipato incuranti del maltempo, le bellezze dei luoghi di Verona legati al periodo in cui il Sommo Poeta soggiornò a Verona, ospite degli Scaligeri.

Il clou della manifestazione è stato domenica mattina 18 marzo, presso il Centro di essicazione delle une della Cantina Valpantena, sito in località Santa Maria in Stelle (nel comune di Verona).

Dalle 8.30 alle 9.30 è partita la 45^ edizione della NON COMPETITIVA, la Sgambada de San Giuseppe, che ha richiamato 2.994 podisti e camminatori, che si sono divisi sui percorsi di 6, 12 e 18 km.
Il gruppo più numeroso è stato quello padovano del “Teolo Running” con 120 iscritti. Al secondo posto con 70 podisti si è classificato l’US Amighini, mentre al terzo si è piazzato il GP Cadidavid con 67 iscritti.

Alle 9.30 è toccato al 601° Palio del Drappo Verde, la corsa più longeva e vecchia al mondo, i cui 281 iscritti erano impegnati sul percorso di 18 km, lo stesso che aveva ospitato i non competitivi della Sgambada de San Giuseppe.

Nella gara competitiva maschile ha prevalso, dopo tanti anni di piazzamenti, il veronese Gianluca Pasetto della società “Boscaini Runners”, che ha impiegato 1h11’20. A causa di un problema sul percorso, probabilmente dovuto alle intemperie, diversi concorrenti della fascia centrale degli atleti TOP sono incorsi in un errore del percorso. La Giuria ha quindi provveduto a classificare alle spalle di Pasetto, nell’ordine: Isacco Piubelli, Dante Tognotto, Emanuele Piubelli, Alberto Adami, Mahir Baiz, Massimiliano Turco, Cristian Zendrini, Emanuele Marchi e Marco Olioso.
Tra le donne, successo in volata per la simpaticissima Sonia Lopes, della società Boscaini Runners, che ha preceduto Federica Schio dell’Atletica Lupatotina. A 2’03” è arrivata al terzo posto Veronica Chiusole (Atl. Team Loppio), che ha preceduto nell’ordine: Anna Conti, Veronica Bacci, Antonella Sassi, Sara Brentarolli, Gabriela Barjak, Elena Garda e Giorgia Zoccatelli.

Tra i gruppi che hanno voluto essere presenti, citiamo l’Atletica Lupatotina (40 atleti iscritti), la Boscaini Runners (29), l’Asd Team Km Sport (22), il Gsd Valdalpone (20), il GS Biasin Illasi (10) e la Rustica Pescantina (10).

Nessun record di partecipazioni quest’anno, ovviamente causato dal cattivo tempo di tutta la settimana, che ha ostacolato il consueto afflusso di iscrizioni e partecipanti.

Per la prima volta, quest’anno, sia i partecipanti alla Sgambada, sia quelli del Palio del drappo verde hanno avuto il piacere di transitare all’interno del Parco di Villa Cà Vendri e ammirare questa costruzione del 1500-1600 costruita dalla famiglia Giusti ed attualmente di proprietà della famiglia Melloni.

Potrebbero interessarti anche...