FAVARO E BRUSAFERRO PROFETI IN PATRIA ALLA ” SOLIDARIETA'”

Michele Veronese, Buso (Ro), sabato 22 luglio 2017

In un fitto calendario podistico estivo, soprattutto serale, si è corsa sabato la “Marcia della Solidarietà” a Buso di Rovigo. Rimangono stabili gli standard della manifestazione, giunta alla 24ª edizione, con un centinaio di adulti ed una ventina di ragazzi ai nastri di partenza e l’ottimo lavoro organizzativo svolto dal gruppo “Amici di Buso” che, particolare non trascurabile, donano tutto il ricavato della gara all’associazione bambini cerebrolesi “Mattia Venceslao” di Rovigo. Prima del via il consueto minuto di silenzio a ricordo di Mario Camillo Mazzuccato e Valerio Masiero, cui è dedicato un Memorial: primi a partire i ragazzi fino ai 13 anni che percorrono circa un chilometro: a seguire la prova agonistica per gli adulti, 8 km divisi in due gir. Per una volta, nonostante il gran caldo e la molta afa, sono piombati per primi sul traguardo due beniamini locali, che vivono nei dintorni di Buso; al maschile Luca Favaro distanzia gli avversari già nella prima tornata e controlla nel secondo giro andando a vincere in 28’,12”. Secondo posto per la novità del periodo, l’albanese Jaupaj Klajdi (29’,05”) ancora senza società mentre il bronzo va a Marco Piasentini, della Salcus. Tra i primi 10 da segnalare i buoni piazzamenti di Michele Aglio (Confindustria Rovigo), quinto, per l’adriese dell’Intesa San Paolo, Paolo Lodo, sesto e per Fabio Maccagno (Podisti Adria), arrivato nono. Tra i veterani si distinguono anche Luciano Magagnoli, della Salcus e Antonio Barbato dell’AVIS Taglio di Po. Nel settore femminile la rodigina della Salcus, Sara Brusaferro, dipana l’incertezza di un pronostico difficile da centrare, prima del via, con una bella gara che la vede prendere largo sulle avversarie chilometro dopo chilometro. Così la portacolori della Salcus si impone in 36’,09” davanti alla ferrarese Emanuela Sitta (36’,56”) e alla rodigina Giulia Gianese (37’,15”). Tra le prime dieci altre polesane in evidenza, Cinzia Sivier 6ª, Lorella Gementi 7ª e Martina Forza 9ª. Tra gli juniores, nei 4 km, senza problemi l’adriese Giovanni Suman, dell’Assindustria Sport Padova. Finale con gli atleti a cercare sollievo nel ricco ristoro: l’organizzatore Luigi Libralon, prima delle premiazioni, ha voluto ricordare l’amico Giuseppe Scanavini, il “Presidentissimo” della Salcus, scomparso un anno fa.

Potrebbero interessarti anche...